Ancora dubbi sulla traduzione del Padre Nostro

La frase del Padre nostro «non ci indurre in tentazione» (Mt 6,13) crea problemi: come va tradotta e interpretata? Nell’originale greco c’è il verbo eisenenkes che significa “immettere”, “introdurre”. Ma si vuol forse dire che Dio spinge l’uomo verso il male (la tentazione) e quindi gli si chiede di non farlo? In realtà, alla luce […]

Che cosa si intende per «nostro pane quotidiano»?

Nel Padre Nostro, quando si dice «dacci oggi il nostro pane quotidiano», che cosa si chiede veramente?   Secondo una tradizione già molto antica noi traduciamo con «quotidiano» una parola, epiousios, che suscita vari interrogativi, non avendo paralleli nel greco antico. Se viene da epi-ousìa, con l’uso del verbo essere, allora il senso è «necessario per l’esistenza» (così […]

Che cosa significa, nel “Padre nostro”, santificare il nome di Dio?

Cosa significa nel Padre nostro «Sia santificato il tuo nome»? Che dobbiamo rendere “santo” Dio?      Il verbo “santificare” è al passivo, ciò che viene santificato è «il tuo nome» (cioè «tu»); opinione comune è che ad agire siamo noi uomini, chiamati a santificare il nome di Dio. Un’altra interpretazione però suggerisce che l’agente […]

Nel “Padre Nostro” che cosa si intende per debiti?

Ho varie domande riguardo al Padre nostro, anche confrontando le versioni di Luca e di Matteo; in particolare in Mt 6,12 si dice «rimetti (condona) a noi i nostri debiti». Di quali debiti si parla? Il vocabolo greco opheilema (“debito”, solo qui nei Vangeli), rimanda a un originale aramaico (ehoba), il cui primo senso è quello di […]

“Non ci indurre in tentazione”

Che significa «non ci indurre in tentazione»? Non sarebbe meglio chiedere di essere aiutati nella tentazione?   Giorgio D. La versione liturgica attuale, menzionata da Giorgio, è una traduzione servile del greco eisenenkes (= immettere), che come tale può anche sollevare problematiche teologiche (cfr. Gc 1,13: «Dio non tenta nessuno»). Il verbo greco probabilmente traduce – […]

La traduzione del “Padre nostro”

Perché si continua a dire «rimetti i nostri debiti» e non «perdona le nostre offese»? Non sarebbe poi meglio dire «non abbandonarci alla tentazione»?   don Antonio M. – Vittorio Veneto La versione liturgica «rimetti i nostri debiti» è maggiormente fedele all’originale greco, che gioca sull’analogia tra debito e peccato/offesa: in realtà il concetto di debito […]

Perdonare sempre?

Nel Vangelo c’è scritto di perdonare «settanta volte sette». Davvero vuol dire sempre? Ma a volte non è disumano?   Alessandro B. Sì, Alessandro ha colto bene l’insegnamento evangelico sul perdono, da intendersi come una chiara manifestazione della volontà divina su questo argomento. Il verbo greco aphiemi, “lasciare / rimettere / perdonare”, che troviamo nel Padre […]